Última bandera ammaina de Nave Scirocco

(Para Marina Militare)
21/02/20

La ceremonia de la última bandera ammaina de Nave tuvo lugar al atardecer, como dicta la tradición, en el muelle Scali / Molo Balilla dentro de la base naval de La Spezia Scirocco. La fregata antisommergibile, quarta unità della classe Mistral, o “venti", ha ultimato la sua vita operativa, dimostrando nei suoi circa 37 anni di attività la sua grande flessibilità: dalle missioni Nato in Mar Mediterraneo, alle operazioni in difesa della libertà della navigazione nel Golfo Persico, solcando l’Oceano Indiano e il Corno d’Africa per attività di contrasto alla pirateria, le acque somale per missioni di supporto alla pace e ancora il Mar Adriatico per attività di sorveglianza e contrasto all’immigrazione clandestina. Con un complessivo di 737.898 miglia nautiche percorse e circa 70 mila ore di navigazione, negli ultimi anni Nave Scirocco è stata una delle principali unità fortemente impegnate nel soccorso ai migranti provenienti dalle coste nord africane, all’interno del meglio noto dispositivo “Mare Nostrum”, strappando da morte certa migliaia di naufraghi.

Al ferry Scirocco verso la sua ultima meta, affidando quindi la bandiera di combattimento nelle mani del capo di stato maggiore, è stato il capitano di fregata Gianluigi Baroncelli. "Cuando se lanzó en 1982 - dijo el comandante Baroncelli durante la ceremonia -  Nave Scirocco rappresentava il vanto della cantieristica militare italiana. Ciò ha consentito di avere una nave perfettamente attrezzata per operare in ogni contesto, costituendo l’antesignano delle moderne fregate di cui la Marina Militare si è dotata, in un simbolico passaggio di consegne fra diverse generazioni”. Y es precisamente al dirigirse a los oficiales y marineros que se han turnado a bordo a lo largo de los años, que el último comandante de Nave Scirocco concluyó su discurso señalando cómo este momento "No debe vivirse con tristeza o melancolía, sino con inmenso orgullo por lo que ha representado el barco Scirocco y por lo que han hecho sus tripulaciones, la Armada y nuestra nación"..

Para presidir la emocionante ceremonia estuvo el jefe de gabinete, el almirante del equipo Giuseppe Cavo Dragone, quien durante su discurso dijo: “La cerimonia dell'ammaina bandiera rappresenta un momento particolare per noi marinai, soprattutto quando andiamo per mare, in quanto rinnoviamo quotidianamente il giuramento prestato. Nave Scirocco ha rappresentato l'ossatura della Marina Militare grazie alle tante missioni svolte, diventando ambasciatore nel mondo dell'eccellenza tecnologica italiana e svolgendo un fondamentale ruolo di diplomazia navale. Un particolare pensiero è rivolto al mio compagno di corso il comandante Pino Porcelli, venuto a mancare durante il suo periodo di comando su nave Scirocco mentre assieme all'equipaggio svolgeva un'esercitazione NATO a est di Gibilterra".

Con la cancelación del papel de barco Scirocco, por lo tanto, el proceso de reducción de personal de la flota de la Marina continúa.

Con la entrega al jefe de personal de la Armada, la bandera de combate de Nave Scirocco ahora será trasladado a Roma para mantenerse en el Santuario de las banderas de las Fuerzas Armadas, dentro del Altare della Patria.